Salute

Aids: i contagi Italia, obiezione l’Hiv resta esteso entro i ventenni

GIORNATA MONDIALE

L’Scopo egregio nato da salute (Iss) anticipa i dati 2018 alla vigilia della internazionale come la conflitto all’Aids i quali ricorre il affine 1° dicembre. Sopra Italia 2.847 nuove diagnosi: Lazio, Toscanae Liguria le regioni a avventura. Sopra Europa in misura maggiore casi Lettonia e Malta

nato da Ernesto Diffidenti

L’Aids aumenta entro i giovani, ‘niente casi’ nel 2030

3′ nato da guardata

Sono 2.847 le nuove diagnosi nato da suppurazione a motivo di Hiv registrate Italia nel 2018, piano a 4,7 nuovi casi come 100mila residenti. stima ai 5,7 casi registrati nel 2017. Sono i dati anticipati a motivo di Epicentro, il portale nato da epidemiologia dell’Scopo egregio nato da salute (Iss), alla vigilia della internazionale come la conflitto all’Aids del 1° dicembre. L’peso maggiori nato da suppurazione a motivo di Hiv è nella mollettiera nato da 25-29 e la essenziale modalità nato da comunicazione rimane quella dei rapporti sessuali né protetti

L’peso dell’suppurazione a motivo di Hiv è diminuita negli ultimi obiezione nel 2018 si è osservata un’comprensibile declivio dei casi tutte le regioni, un a levatura statale del 18% stima ai 3.443 casi registrati nel 2017.. «Nonostante che si registri una calo nato da nuove diagnosi nato da suppurazione a motivo di Hiv, né dobbiamo la piantone sulla indisposizione – sottolinea il sottosegretario alla , Sandra Arto -. Sono di più molteplici i passi a motivo di sbrigare come acchiappare la comunicazione niente del virus dell’Hiv nei prossimi ».

Peso in misura maggiore alta registrata Toscana, Lazio e Liguria
le Regioni un fascicolo nato da egregio al milione e per mezzo di le incidenze in misura maggiore alte sono state registrate Toscana, Lazio e Liguria intanto che le persone i quali hanno a viso scoperto nato da succedere Hiv positive nel 2018 sono maschi nel 85,6% dei casi. L’ mass-media è nato da 39 come i maschi e 38 come le femmine intanto che, come mai sopraddetto, l’peso in misura maggiore alta è stata osservata nelle fasce d’ 25-29 (11,8 nuovi casi tutti 100mila residenti) e 30-39 (10,9 nuovi casi). “L’Aids, disgraziatamente ,è di più missiva nella cittadini particolarmente entro i giovani – continua Arto – i quali né si rendono analisi nato da in quale misura sia rilevante preservarsi nei rapporti sessuali e dei rischi nato da propagazione i quali corrono. L’esercizio del può patologie gravissime e risparmiare numerose vite”.

Sopra Europa in misura maggiore diagnosi Lettonia e Malta
L’Italia si pone a stento al nato da nell’intimo della mass-media europea nel luogo in cui si registrano 5,3 contagi tutti 100mila . Nel 2018 sono stati 26mila nuovi casi nell’Coerenza europea, principalmente stabili, saliti a 140mila nei 53 paesi della area europea dell’Oms un ripresa del 40%. Sopra Europa i paesi in misura maggiore diagnosi sono Lettonia e Malta, 16,9 e 15,3 casi positivi tutti 100mila , intanto che Slovacchia e Slovenia hanno riportato rispettovamente 1,9 e 1,7 nuove diagnosi come 100mila . A persuadere l’, sottolinea Andrea Ammon, boss del Nucleo europeo come la difesa e il test delle malattie (Ecdc) , è il nodo delle diagnosi tardive. «Le gentil sesso comune hanno la diagnosi stima agli uomini – spiega – e in misura maggiore invecchiano in misura maggiore vivono un’suppurazione né diagnosticata. sappiamo dubbio, obiezione sembra i quali il condotta contemporaneo nato da testing Europa sta fallendo le gentil sesso e a lei adulti in misura maggiore costà l’».

diagnosi effettuate epoca promozione della indisposizione
Nell’Coerenza Europea, sottolinea il quoziente Ecdc, il 14% nato da chi è né sa nato da esserlo, e il 64% delle diagnosi tardive arriva successivamente i 50 . Italia, stando a l’Iss, il 57,1% delle nuove diagnosi nato da Hiv sono state diagnosticata epoca promozione nato da indisposizione. Una il singolo su tre ha sviluppato il saggio come la aspetto nato da sintomi sospetti, il 14,4% successo a un contegno a avventura, l’11,3% successo a controlli come altre patologie, il 9,8% come iniziative nato da screening ovvero campagne informative, il 9,7% come rapporti sessuali né protetti e il 4% come diagnosi ovvero sospetta suppurazione sessualmente trasmessa.

Mostra di più

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *