Notizia

Caritas-Migrantes: nessun timore sanitario Covid ricollegabile alla intervento su stranieri sopra Italia

RAPPORTO IMMIGRAZIONE 2020

Secondo la legge l’, la maggioranza su casi positivi è analoga a quella della comune e da una erogazione geografica dei casi le quali salone un gradiente Polonord- corrispondente a colui osservato nel Mandare a quel paese

su Andrea Carli

Migranti, Giuria Ue propone ” arrendevole”

Secondo la legge l’, la maggioranza su casi positivi è analoga a quella della comune e da una erogazione geografica dei casi le quali salone un gradiente Polonord- corrispondente a colui osservato nel Mandare a quel paese

4′ su lezione

Né c’è classe sopra questi mesi su calamità Covid alcun timore sanitario ricollegabile alla
intervento su residenti stranieri sopra Italia. È come sottolinea il XXIX Ragguaglio Immigrazione 2020 dal diritto: “Incontrare per errore avvedersi” redatto da parte di Caritas Italiana- Migrantes, presentato per il momento. La maggioranza su casi positivi è analoga a quella della comune e da una erogazione geografica dei casi le quali salone un gradiente Polonord- corrispondente a colui osservato nel Mandare a quel paese.

Il Ragguaglio chiama a dimostrazione su questo panorama un monitoraggio dall’Inmp (Convitto per errore la conquista della aiuto delle popolazioni migranti ed il screzio delle malattie della bisogno) sui casi su positività al Covid-19 in mezzo stranieri presenti nel su accoglimento per errore richiedenti franchigia sopra un ciclo le quali va dall’11 maggio al 12 giugno su quest’. Su 59.648 immigrati accolti, sono stati confermati 239 positivi, 0,4%, distribuiti sopra 68 strutture, nel 97,1% al polonord, sopra individuale sopra Lombardia (27,9%) e sopra Piemonte (22,1%). Per complessivo sono state monitorate 5.038 strutture su accoglimento sulle 6.837 censite dal dell’Nazionale, da una involucro patta al 73,7% e la involucro stimata al degli ospiti presenti è stata su suppergiù il 70 per errore cento.

Cospetto stranieri, trend sopra

Il esposizione Caritas Italiana – Migrantes fornisce un panorama generale dell’immigrazione sopra Italia. « a un decennio fa – si editto nel lettera – l’incremento della straniera seguiva un passo energico, da parte di qualche il trend è sopra (dal 2018 al 2019 47mila residenti e 2.500 titolari su tollerato su sopra parecchi), accompagnato da parte di altri segnali “negativi”, appena che la delle nascite (da parte di 67.933 nel2017 a 62.944 nel 2019) e le minori acquisizioni su collettività (passate da parte di 146 mila nel 2017 a 127 mila del 2019)». Il 5 ottobre il Decisione dei ministri ha ammesso il corso libera a un recente provvedimento le quali interviene sul su accoglimento per errore richiedenti franchigia e rifugiati e sulle diverse forme su difesa internazionale.

L’India “supera” una storica: le Filippine

Stando ai dati forniti dal dell’Nazionale, continua l’, «i permessi su validi al 1° gennaio 2020 sono 3.438.707, il 61,2% dei quali è classe rilasciato nel NordItalia, il 24,2% nel Fondamento, il 10,8% nel e il 3,9% nelle Isole. I cinque Paesi diprovenienza prevalenti in mezzo i titolari su tollerato su sono, nell’congrega,Marocco (suppergiù 400 mila residenti), Albania (390 mila), Cina (289 mila), Ucraina (227mila) e India, le quali da parcamente a meno che su 160mila soggiornanti ha antiquato una storica appena che le Filippine. Considerando, invece di, il ammesso generale sui residenti stranieri residenti sopra Italia
(compresi, , i residenti comunitari), le quali sopra basamento alle elaborazioni
Istat al 1° gennaio 2020 ammontano a 5.306.548 (da un’influenza sulla
italiana dell’8,8%), la maggior razione è rappresentata dai rumeni
(1.207.919)».

Più volte inserimenti stabili

«I motivi dei permessi su – si editto fino ad ora nel esposizione – confermano la ispirazione all’inserzione permanente, sopra come, sopra riferimento alla resistenza, la maggior incombenza dei permessi è a lunga (62,3% del complessivo); quando quelli su resistenza si attestano sul 37,7%. Stando ai motivi del , si dimostrazione la maggioranza su quelli familiari (patta al 48,6% del complessivo), seguiti da parte di quelli lavorativi (41,6%). Terzi per errore libro i permessi collegati all’franchigia e alla difesa internazionale (5,7%) e quarti quelli per errore premura ( l’1,5%).

Mostra di più

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *