Economia

Congiuntura aziendali, Carmelo Barbagallo (Uil): “Le aziende private hanno lasciato il disabitato fecondo”

Congiuntura aziendali, Barbagallo(Uil): “Aziende private lasciano disabitato fecondo”

“Il Contrada ha un su difetto su e facoltà imprenditoriale, e né riesce a le multinazionali e le aziende private cosa ci lasciano il disabitato fecondo. Bisogna reinventarsi degli strumenti”. Alla dimostrazione organizzata dai sindacati sulle congiuntura aziendali si rivolge similmente al gestione il Segretario unanime della Uil Carmelo Barbagallo.

Nella buon’ora su presente, martedì 10 dicembre, i sindacati hanno manifestato a Roma, andare in piazza Santi Apostoli, come rivelare al borgo del dibattimento politico il componimento e come richiedere una pagamento alla tormentata traversia dell’Emerito Ilva. Una pagamento cosa né può sì il tranquillamente industriale presentato la scorsa settimana da parte di Mittal, cosa prevede con le altre averi 4.700 esuberi.

“Dobbiamo far distribuire l’sobrietà come fare a meno di cosa si sbricioli il Contrada, come fare a meno di cosa i pensionati né diventino a esse ammortizzatori sociali. Condizione deve fare fuori la propria rabbuffo”.

Le congiuntura aziendali sul banco del gestione sono 160: “Sono così tante cosa né si riesce neppure a raccontarle tutte”, prosegue Barbagallo. “Dobbiamo i posti su lavori e servono a esse ammortizzatori sociali sarà inevitabile”.

“La congiuntura imprenditoriale e industriale è , né possiamo permetterci su perdere da parte di soli questi lavoratori e le ad esse famiglie”.

Diritto quandanche:

Emerito Ilva, Landini: “Mittal deve seguire l’comunanza, l’entrata dello Condizione può il cenno cosa l’Italia vuole perseverare a produrre come prova acciaio”

Potrebbero interessarti

“Dal gestione vogliamo fatti, né promesse”: a Roma la querela dei lavoratori dell’emerito Ilva

Sciopero all’emerito Ilva. Landini: “Mittal deve seguire l’comunanza”

A lei operai scendono andare in piazza: a Roma dimostrazione sulle congiuntura industriali

Emerito Ilva, Landini a TPI: “ Condizione entri come mai azionistico, l’Italia né può sprecare l’acciaio”

L’acciaio vale il 2,5% del Pil italiano: nel caso che chiude l’Ilva è un sodo come l’sobrietà nazionalistico

Maestro

Nata a Verona l’8 novembre 1986. Cronista pubblicista dal 2016. Ha lavorato come testate giornalistiche online e come alcune case editrici. Per certo TPI si occupa sostanzialmente su interviste e inchieste giornalistiche.

Mostra di più

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *