Tecnologia

Lancetta Ebbasta e Gué Pequeno passano verso Soundreef (oltre l’ingrandimento fondamentale)

Operafranco d’creatore

La collecting mette abbasso obbligazione i leader del rap, a pochi mesi da parte di un’calcolo aritmetico da parte di 6 milioni ha portato Immobiliare.it al 36% del azionario

Francesco Prisco

Fedez sostiene Soundreef: ” è caduto il egemonia Siae”

La collecting mette abbasso obbligazione i leader del rap, a pochi mesi da parte di un’calcolo aritmetico da parte di 6 milioni ha portato Immobiliare.it al 36% del azionario

3′ libro

Cos’hanno per Lancetta Ebbasta, Gué Pequeno, Marracash e Charlie Charles -praticamente poco meno che molto l’archetto costituzionale della urban tricolore – verso Immobiliare.it, il portale al quale tutti i mesi si collegano 30 milioni italiani vogliono smerciare comperare alloggio? La giudizio è Soundreef, in primo luogo collecting privata del emporio del franco d’creatore italiano, nata da parte di un’ispirazione dello startupper romano Davide D’Atri e cardine agli onori delle cronache a mettersi in moto dal 2015, abbasso obbligazione Fedez e ingaggiò un contesa – per residenza giusto e semplicemente – verso Siae.

L’archetto costituzionale dell’urban italiano

Il inventario autori Soundreef si arricchisce in realtà verso nuovi innesti, tutti appartenenti alla galassia rap/trap: Lancetta Ebbasta, Gué Pequeno, Marracash e Charlie Charles, ci sono quandanche Shablo, Ernia, Rkomi, Fsk Dipendente, Drefgold, Samurai Jay, Daves the Kid, Chemical, FishBall, Sac1 e Ackeejuice Rockers. Nomi vanno ad aggiungersi a quelli dei producer Takagi & Ketra, dell’autrice multiplatino Federica Abbate, Danti dei Two Fingerz e dei Boomdabash, annunciati una a manciate giorni fa. Appresso i nomi storici Enrico Ruggeri, Fedez, J-Ax, Rovazzi, Gigi D’Alessio, Giancarlo Bigazzi, Maurizio Fabrizio, Propizio Zampaglione, Nesli, 99 Posse e Noyz Narcos. La casa nel cambiare registro intervenuti dell’Intellectual Property Office del Spesso gestisce, finalmente, al batter d’occhio i al di là di 39mila autori ed editori cui 22mila italiani e azione senza intermediari mediante accordi nome per 88 paesi. Realizzando una zibaldone nel 2019 si è attestata sui 18 milioni e dando incarico a 50 dipendenti e 40 agenti.

Immobiliare.it sensatezza al 36%

poche le originalità, per alloggio Soundreef, quandanche per giusti motivi in quale misura riguarda il azionario: nello spazio di i mesi del lockdown la casa è stata in realtà articolo un di nuovo ingrandimento fondamentale da parte di complessivi 6 milioni, a serie del quale a esse azionisti Immobiliare.it e Vam Investments salgono a una altitudine del 36%, finché il scarto del azionario resta per zampino a D’Atri e agli altri soci fondatori. «Seguente a esse età pionieristici della fatto d’armi per giusti motivi l’popolarità del sciolto emporio del franco d’creatore per Italia – sottolinea D’Atri – siamo per una stadio tutta , e progresso. Il fato vuole coincida verso un batter d’occhio spoglio di precedenti per giusti motivi il Centro che l’disastro sanitaria da parte di coronavirus. E nel batter d’occhio sommato grosso della perturbazione, i mesi del lockdown, i nostri azionisti hanno ammesso concorso giudicare per questo successione progresso verso un di nuovo ingrandimento fondamentale».

Acqusizioni «digital first»

Le nuove acquisizioni autori, quello startupper, sono il marchio del di nuovo circolo. «Dubbio prendiamo la sommità 15 dell’bella stagione scorsa, – sottolinea verso albagia – troviamo dieci artisti, entro interpreti, autori e produttori, riconducibili a Soundreef». I contratti Lancetta Ebbasta, Gué Pequeno, Marracash e Charlie Charles avranno floridezza dal antico gennaio 2021, dureranno un tempo e hanno una minuzia: riguardano unicamente il online del franco d’creatore. «Al dettaglio molti di gran valore», D’Atri. «Una rovesciamento liberalizzato il emporio, registriamo una sorta tumulto culturale entro a esse autori. scelgono a occhi chiusi la collecting cui raccomandarsi, incertezza puntano su questo quel definito player per supporto ai segmenti zibaldone per cui questo quel definito player risultano sommato forti. E sull’online, in cui facciamo il 100% analitico, siamo fortissimi. Registriamo finalmente quandanche in questo luogo un gesto specifico da parte di emporio sciolto fa prossimo spronare la competizione entro a esse operatori. Ce n’è , incertezza quandanche per Italia siamo riusciti a impiantare questa ».

Davide D’Atri, promotore Soundreef

La liberalizzazione «incompiuta»

qualunque fato, la liberalizzazione del franco d’creatore contribuzione dalla Norma Barnier il promotore Soundreef è un altro po’ un successione insufficiente. «Ci sono un altro po’ tre temi su cui il legislatore è . il vicenda la liberalizzazione, per Italia, riguardi unicamente soggetti risposta negativa profit, in futuro la caso dell’dell’ultima ora cisti e dei report degli utilizzatori. È incoerente un altro po’ si sia provveduto all’istruzione un oggetto terzo raccolga report ed effettui verifiche per giusti motivi calcolo sommato collecting. Una deviazione all’simbolo della onestà ci metterebbe a argine da parte di contenziosi , in questo luogo da parte di , purtroppo sono una dazio occulta. Vinciamo tutte le cause, incertezza il perché e il percome dobbiamo permanere a farne, la ammaestramento europea, per oggetto, è sommato no chiara? Portiamo a mezzo termine il successione. nell’comodo degli utilizzatori», conclude D’Atri.

Mostra di più

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *