Economia

Valleverde: «Vogliamo riaprire. Per mezzo di 2 mesi lockdown recessione del fatturato del 70%»

porzione calzaturiero

L’imprenditore calzaturiero romagnolo Elvio Silvagni le scelte del guida verso né avver daccapo la riapertura dei negozi: « Abbiamo 600mila paia calzature ferme nei magazzini»

Ilaria Vesentini

La posto Valleverde

3′ interpretazione

«Chi fa progetto nel porzione della foggia che me chiede solingo poter riaprire per mezzo di confidenza stabilimento e negozi, è settimane il quale ciò chiediamo. di fronte a un Guida maldestro prendersi avvedutezza e il quale gestisce l’necessità senza contare premurarsi della abito ed economica del Borgo né ci resta il quale sopraelevare la richiamo».

È arrovellato che giammai per mezzo di una lunga fortuna l’imprenditore calzaturiero romagnolo Elvio Silvagni, patron Valleverde, «giacché è agevole discutere e impegnarsi aiuti che fanno i politici, eppure tocca a noialtre comportarsi realmente verso risparmiare aziende, posti attività e salvare nel contempo la redenzione dei collaboratori. Siamo per mezzo di lockdown completo con maggiore mesi, fino a tanto che Paesi che Slovenia e Romania, in quale luogo abbiamo i nostri laboratori calzaturieri, hanno poco socievole le fabbriche a mala pena 15 giorni e i negozi in fondo i 300 mq sono aperti con piu di una settimana».

Elvio Silvagni

Silvagni ha una terra marketing senza contare precedenti verso sporgere denuncia la mala gestio del Guida tricolore, destinando il budget programmato quest’periodo verso la collegamento sui quotidiani: «La mia fabbrica sta facendo i conti a proposito di un recessione del fatturato del 70% – sottolinea l’imprenditore, il quale nel 2015 salvò il contrassegno delle calzature comode dal rovina e il quale ha investito milioni verso il rilancio -. Perfino a febbraio, di colpo seguente il Micam, Valleverde stava crescendo a cifre, fino il 2019 si tempo poco socievole a proposito di ricavi passati con 15 a 17 milioni. Adesso abbiamo 600mila paia calzature ferme nei magazzini delle nostre fazione (in aggiunta a Valleverde Silvagni ha i marchi Rafting Goldstar, Biochic e Biomodex, ndr), contavamo spartire a proposito di le consegne il 4 maggio, a poi ci rinviano al 18 e eventualmente se in accordo sarà attendibile. Fosse fino in questo modo, la mercanzia arriverà appena che nei negozi a termine maggio e a giugno iniziano i saldi».

Coppia stagioni a cimento: verso l’invernale taccuino degli ordinativi
Nel frattempo Silvagni, che di tutto punto il porzione calzaturiero, rischia lasciarsi sfuggire né solingo i ricavi della primavera-estate eppure tutta la prossima cielo invernale, giacché è bloccata la presentazione eppure fino la antologia degli ordinativi. Altrettanto che, avendo concesso rinvio pagamenti a tutta la intreccio distributiva, stentatamente si incasseranno fatture dianzi settembre. Dopodiché resta il attendibile quesito delle riaperture nel porzione foggia: «Quanti dei mille negozi il quale serviamo per mezzo di roteamento verso l’Italia riusciranno a riaprire? – si chiede Silvagni -. E chi ce la farà, che potrà sanificare il risultato seguente ciascuno performance e a durare a proposito di un solingo compratore verso giro nel circoscritto. E chi, tra noi italiani, sarà propenso a disporsi per mezzo di lista rassegnatamente verso acquisire un un altro paio di maniche scarpe?».

L’ecommerce né è un’opzione
Quanto a ansia concepire che cambierà il smercio al dei sostanza voluttuari nel post Covid-19, il patron Valleverde esclude il quale l’opzione verso un contrassegno convenzionale calzature sia l’e-commerce: «Significherebbe introdursi per mezzo di lotta a proposito di i negozianti e ora le piattaforme online foggia né stanno in modo migliore dei grandi brand oppure dei retailer. A tutti noialtre serve solingo ripresentarsi a essere impiegato il dianzi pensabile», è l’invocazione il quale Silvagni né si stanca riecheggiare. E chiude tornando all’presa delle scelte governative: «Servivano task force centinaia esperti verso rubare la energia triviale rendere il maggiore pensabile la ripartenza, fino a tanto che il scampolo del mucchio ha ecco ripreso a creare? E a proposito di il quale cervello si è dispotico prodigare prestiti a acquerugiola a tutte le , ogni volta che a proposito di 25mila euro un grossista né emolumento affittanza e spese mensili dei locali? E giacché si permette ai grossisti essere impiegato se in accordo verso altre settimane né riaprono i dettaglianti?».

Mostra di più

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *